SOMATIZZAZIONI INTESTINALI: prevenzione e cure naturali



Dolore addominale associato a crampi, sensazione di gonfiore e peso accompagnata a stitichezza e/o a diarrea, chissà quante volte ci è capitato: l’ansia per un compito in classe o un importante appuntamento di lavoro, lo stress, l’apprensione per qualcuno che ci è caro, la rabbia per qualcosa che è andato storto ci hanno fatto correre al bagno, oppure hanno bloccato la nostra regolarità.

Il fatto sta che l’intestino metabolizza emozioni e invia messaggi al “cervello principale”.

Stress e ansia ne alterano il funzionamento, ma è vero anche il contrario: i disordini intestinali possono provocare variazioni dell’umore, vediamo assieme cosa succede…

Parliamo allora della somatizzazione: le forti emozioni “si scaricano” sugli organi che sono al di fuori del nostro controllo cosciente.

Uno di questi è il delicatissimo intestino che, vittima delle sollecitazioni, dei pensieri, delle preoccupazioni o delle arrabbiature di tutti i giorni, si “iper-sensibilizza” e la sua muscolatura si contrae più intensamente del dovuto: di qui spasmi e scariche diarroiche, seguiti da periodi di stipsi e costipazione. Alcune persone lamentano anche difficoltà digestiva, pancia gonfia, meteorismo.

E’ la sindrome del colon irritabile: l’intestino non è colpito da danni materiali, fisici, ma semplicemente non funziona a dovere. E a risentirne sono l’organismo in generale e la psiche.

Per spiegare questo fenomeno uno scienziato americano, Michael D. Gershon, ha parlato del nostro intestino come di un “secondo cervello” che “sente”, metabolizza emozioni, smista informazioni, reagisce alle sollecitazioni dell’ambiente circostante, soffre, gioisce ed è capace di governare in piena autonomia le delicate funzioni della complessa macchina digestiva.

Secondo l’esperto, pur avendo solo un decimo dei neuroni del cervello, l’intestino lavora in modo autonomo. Non a caso le sue cellule producono il 95% della serotonina, il neurotrasmettitore del benessere che regola umore, sonno, dolore e anche le contrazioni addominali.

L’intestino rilascia serotonina in seguito a stimoli esterni, come l’immissione di cibo, ma anche a input interni come emozioni e abitudini. Quando soffre, ad esempio per la sindrome del colon irritabile, la formazione di serotonina ne risente e possono manifestarsi disturbi del comportamento, ansia, depressione e paure.

Secondo Gershon esiste un asse pancia-testa, e la quantità di messaggi che il cervello addominale invia a quello centrale è pari al 90% dello scambio totale.

Dunque non solo il cervello agisce sull’intestino, ma anche il contrario: stress e ansia alterano il funzionamento del nostro colon, e allo stesso tempo i disordini intestinali possono provocare variazioni dell’umore.

Cosa fare per evitare che le tensioni emotive finiscano col somatizzarsi in modo tanto fastidioso?

La risposta è complessa e personale: ciascuno di noi dovrebbe analizzare il proprio modo di essere, di relazionarsi agli altri e soprattutto dovrebbe trovare il modo di elaborare costruttivamente i molteplici stimoli esterni, ponendosi in atteggiamento positivo con la vita e con se stesso.

Per saperne di più e riuscire ad affrontare meglio questo spiacevole disagio anche dal punto di vista psicosomatico approfittate del nostro Consulto Telefonico Gratuito ad indirizzo Psico-Energetico, per usufruirne cliccate su: https://www.salutesolidale.org/test-psico-energetico

Per un auto-trattamento naturale “faidaté” visita invece la nostra pagina: https://www.salutesolidale.org/s-gastro-intestinale

Buona Vita, amici miei!

Antonio Bufalo


P.S.

… E non dimenticare ti prendere visione di tutti gli altri contenuti e servizi gratuiti offerti dalla nostra associazione di promozione sociale della salute! Basta cliccare su: https://www.salutesolidale.org/

221 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti